Personale di Cristina Sartorello

6 ottobre 2018

ADRIA – “Una favola per caso” è il titolo della mostra fotografica con gli scatti di Cristina Sartorello promossa dal Foto Club Adria e ospitata nel bar/trattoria la Salsiccia in via Polesani del mondo, area di servizio Adria-Bottrighe.
Il taglio del nastro è avvenuto in un clima di festa alla presenza del presidente del Foto Club Michele Stoppa diversi soci e amici.
La mostra è visitatile con ingresso libero negli orari di apertura del locale fino al 31 ottobre.
Immagini che raccontano la storia dell’artista, una delle tante e straordinarie meraviglie del Delta.
“C’era una volta una bambina” – ricorda Cristina – che andava nel Delta del Po con il padre.
Erano insieme in giro per le valli con una piccola barca a fondo piatto, che passava tra gli stretti canneti e mentre il babbo lavorava, la figlia pescava.
Quando l’imbarcazione si fermava, moltissimi pesci saltavano dentro, continuando a guizzare sul fondo, con le squame argentee illuminate dai raggi del sole.
Il pranzo si faceva in un “cason di valle”, regno di zanzare terribili: si mangiava risotto del Delta con pesci spinosi, cotto nel vino, oggi improponibile per il retrogusto amarognolo, ma allora era tutto magico”.
“La bambina, diventata grande – prosegue Cristina – è tornata nel Delta con Sagittaria, un’associazione naturalistica che collabora con l’Ente parco Delta del Po Veneto, per la difesa e il monitoraggio di flora e fauna ambientale.
Cristina scrive sulla rivista culturale `Rem’, dove ha descritto il contesto abita-tivo di uccelli marini e il loro censimento, l’allevamento di cozze, vongole e dell’ostrica rosa italiana, detta la ‘Perla del Delta’, e la conta delle case abusive sugli scanni, costruite con materiali di recupero e usate per turismo”.
La documentazione di quel servizio giornalistico è il materiale della mostra fotografica allestita alla Salsiccia di questa fotografa di street, di reportage e ora di paesaggio e documentazione.